Istituzione e scopi

 

L’Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia nasce su indicazione del n. 237 del Direttorio di Pastorale Familiare del 1993, che così recita:

A livello diocesano, nel rispetto della creatività e delle concrete possibilità delle singole Chiese particolari, vi sia uno specifico organismo per la promozione della pastorale familiare.  Si tratti, preferibilmente, di uno specifico ufficio diocesano.

Tra gli scopi principali che tale organismo deve realizzare in collegamento e collaborazione anche con altri uffici e organismi della Chiesa diocesana e che spetta al Vescovo determinare, rientrano:

  • l’annuncio del “Vangelo del matrimonio e della famiglia”;
  • la promozione e il coordinamento delle iniziative per la preparazione dei giovani e dei fidanzati al matrimonio, per il sostegno e l’accompagnamento delle coppie e delle famiglie e per la formazione degli operatori di pastorale familiare;
  • lo studio e la soluzione dei problemi morali, religiosi e sociali che la vita coniugale e familiare incontra di volta in volta, alla luce della dottrina della Chiesa e tenendo conto delle leggi vigenti e della loro evoluzione;
  • la promozione delle strutture parrocchiali, zonali, decanali o vicariali di pastorale familiare; la proposta di specifiche attenzioni pastorali per le famiglie lontane o in situazione difficile o irregolare;
  • il sostegno alle varie iniziative di servizio alla famiglia, a cominciare dai consultori e dai centri per i metodi naturali;
  • l’attenzione alle problematiche e alle iniziative connesse con la difesa e la promozione della vita;
  • il confronto e il dialogo con le diverse realtà culturali e sociali e con le stesse strutture civili sui temi riguardanti la famiglia e la vita.”